dima
  • PORTA DELLA CITTA’ SIGNA

    Il progetto si interfaccia sia con la storia - attuando un rapporto di mimesis con lo stemma cittadino e riallacciandosi al passato medioevale quando erano tre le Porte che davano accesso al Castello di Signa - sia con il contesto limitrofo caratterizzato da una moltitudine di Landmarks - principalmente campanili di chiese e pievi. Il progetto si pone come elemento di giunzione dei due percorsi, la Nuova Porta di Signa costituirà il nuovo accesso Ciclopedonale della Città. Osservando le tavole di concorso si comprende come il manufatto si presenti in maniera frontale e diretta nei confronti degli automobilisti che attraverseranno Via Ponte Nuovo per entrare in Città: una grande “Pala” posta al fondo dell’attraversamento. I pannelli forati in alluminio che costituiscono il rivestimento della struttura, permettono - oltre a garantire un livello di permeabilità visiva che stempera le dimesioni del progetto - di utillizzare la superficie posta frotalmente all’accesso come un vero è proprio manifesto della città. E’ infatti possibile attraverso una foratura fatta ad hoc imprimere immagini sui pannelli, in quanto le diverse dimensioni dei fori garantiranno i chiaroscuri della fotografia scelta rendendola comprensibile agli occhi degli autuomobilisti. Sarà poi un Concorso fotografico dal titolo “L’immagine di Signa” ad individuare prospettive e panorami iconici tra i quali sceglire l’immagine che meglio rappresenta la Signa contemporanea e il suo rapposto con storia e il paesaggio. Se la “Parete frontale” dialoga con gli utenti ad una distanza medio lunga, la superficie che costituisce l’effettiva “Porta” del progetto -  utilizzata per il passaggio ciclopedonale - sarà dotata di un SCHERMO a led utilizzabile dalla Municipalità come canale informativo. Con Michele Ventura.